I  Canti della Settimana Santa  che  accompagnano il corteo processionale  dalla Chiesa di San Giovanni fino alla Cattedrale e viceversa ogni anno:

Ah del figlio di Dio:

Ah del figlio di Dio,

Sul volto santo

l'infame labbro il traditor posò.

 

Gesù rivolto a lui

col cuore infranto divini accenti 2

di bontà parlò (bis da2)

 

Amico che venisti non per l'amore

col bacio dunque tu mi vuoi tradir

 

Ahimè, ahimè purtroppo1

quell'ingrato cuore

al pentimento

non si vuole aprir (bis da 1)

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

O fieri flagelli:

O fieri flagelli

che al mio signore

le carni squarciate (bis)

con tanto dolore (bis)

 

Non date più pene

al caro mio bene

Non più ttormentate

l'amato Gesù.

 

Ferite, ferite

Ferite, ferite questalma rea

Ferite quest'alma che causa ne du

CHe ausa ne fu

Che causa ne fu

Ferite, ferite.

----------------------------------------------------------------------------------------------

DI quelle genti indomite

Di quelle genti indomite

Gli insulti non han fine,

E al salvatore pressano (bis)

Lunghe e pungenti spine (bis)

 

Le sue piagate spalle

ricoprono di un manto,

Ed una canna porgono (bis)

a Dio tre volte santo  (bis)

-----------------------------------------------------------------------------------------------

Se il mio signor diletto

Se il mio signor diletto

A morte hai condannato

spiegami almen, Pilato

qual fosse il suo fallire.

Chè se poi l'innocenza1

colpa da te s'appella

per colpa così bella

potessi anch'io morir (bis da 1)

 

Potessi anch'io morir (bis)

Se il mio signor diletto

a morte hai condannato

spiegami almen, Pilato

qual fosse il suo fallir.

 

CHe se poi l'innocenza

colpa da te s'appella

per colpa così bella

potessi anch'io morir

 

Potessi anch'io morir (bis)

 

Per colpa così bella

Potessi anch'io morir.

----------------------------------------------------------------

Teco vorrei signore

Teco vorrei signore

Oggi portar la croce;

nella tua doglia atroce

io ti vorrei seguire.

 

Ma sono infermo e lasso

donami tu il coraggio

accio nel mesto viaggio 1

non abbiami a smarrir. (bis da 1)

 Tu cor divin tuo sangue

Vammi segando i passi

ch'io laverò quei sassi

col mesto lacgrimar.

 

Nè temerò smarrirmi

pel monte del dolore

quando il tuo santo amore 2

m'isegni  camminar. (Bis da 2)

--------------------------------------------------------------------------------

Chi porta il suo supplizio

Chi porta il suo supplizio

 

soche ne appar ben degno

so che la pena è segno

di già commesso error.

Ma se Gesù si vede (bis)

di croce caricato ("")

paga l'altrui peccato("")

sol per immenso amor ("")

sol per immenso amor

-------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Chi porta in pugno il mondo

CHi porta in pugno il mondo

 

A terra, a terra è già caduto

ne se gli porge aiuto,

oh cielo, che crudeltà!

 

Se cade l'uomo ingrato 1

tosto Gesù conforta;

e per lui solo è morta

al mondo, al mondo ogni pietà.

E per lui solo è morta

al mondo, al mondo ogni pietà. (bis da 1)

-----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Sì vago è il tuo tormento

Sì vago è il tuo tormento

 

Bel volto del mio bene

che quasi in te diviene

amabile il dolor.

 

Amabile il dolor.

 

Su nel cielo che farai

se un rozo velo impresso

e da tante pene oppresso

spiri si dolce amor.

 

Da tante pene oppresso

spiri si dolce amor.

 

Da tante pene oppreeso spiri si dolce amor

 

Spiri si dolce amor (bis)

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Madre

Madre. ti lascio a Dio

L'ora bramata è giunta

unisci al dolor mio

l'angoscia del tuo cuor.

 

Io salirò la croce

per l'uomo peccatore

nella mia doglia atroce1

ti parlerò d'amor (bis da 1)

Madre patir m'è caro per salvar la mia madre.

Madre il tuo pianto amaro

unisci al mio dolor.

 

Il padre mio, placato,

ritornerà clemente

per il figlio che ha peccato1

 sarà pietoso il ciel (bis da 1)

----------------------------------------------------------------------------------------------------

Gesù mio caro

 

Gesù mio caro

Ormai è giunto

l'acerbo punto

del suo morir

Gesù, Gesù mio caro

ormai, ormai è giunto

la c'è l'acerbo punto

l'acerbo punto del suo morir. (bis)

 

Stringe, stringe la croce

morte, morte sì atroce.

 

Gode il suo cuor per me,

per me soffrir.

 

Soffrir, soffrir.

 

Gesù, Gesù mio caro

ormai è giunto

la c'è l'acerbo punto

l'acerbo punto del suo morir (bis)

 

-----------------------------------------------------------------------------------------------------

Vedo sul duro tronco

Vedo sul duro tronco

 

Disteso il mio diletto

e il primo colpo aspetto

dell'empia crudeltà

 

Dell'empia crudeltà

 

Vedo sul duro tronco 1

disteso il mio diletto

e il primo colpo aspetto

dell'empia crudeltò

 

QUelle divine madi

che al tormio semban fatte

 

Ahi, che martel lebatte,

senz'ombra di pietà (bis da 1)

Ahi, che martel le batte,

senz'ombra di pietà .

-----------------------------------------------------------------------------------

Il figlio di Dio

Il figlio di Dio

Int/Ba -Il figlio di Dio il figlio

Coro - di Dio, in croce pendente
O gelida gente per gran dolor

Bassi - O gelida gente

Coro - Per gran Dolore

Ten. - Il figlio di Dio
Il Re dei dolori
Per noi peccatori
In croce spirò

Bassi - Il figlio di Dio il figlio

Coro - di Dio, in croce pendente
O gelida gente per gran dolor

Bassi - O gelida gente

Coro - Per gran Dolore

Ten. - Il figlio di Dio
Il Re dei dolori
Per noi peccatori
In croce spirò

Bassi - Il figlio di Dio il figlio

Coro - di Dio, in croce pendente
O gelida gente per gran dolor

Bassi - O gelida gente

Coro - Per gran Dolore

Bassi - O gelida gente

Coro - Per gran Dolore 

-----------------------------------------------------------------------------

Stava Maria dolente

Stava Maria dolente

 

Senza respiro e voce

mentre pendeva in croce

del mondo il Rendentore.

E nel fatale istante1

crudo, materno affetto

le trafiggeva il petto

le lacerava il cuor

il cuor, il cuor. (bis da 1)

------------------------------------------------------------------------------

Veder l'orrenda morte

Veder l'orrenda morte

 

Del mio signore non vuole

onde si copre il sole

in segno di dolor;

trema commossoil mondo1

e il sacro vel, e il sacro vel

si spezza;

Piangon per tenerezza

i duri marmi ancor (Bis da 1)

 

I marmi ancor, i marmi ancor (bis)

I marmi ancor

I duri marmi

I duri marmi ancor.

 

------------------------------------------------------------------------------------------------

Teco diletta madre 

Teco Diletta madre

 

Teco, teco diletta Mdre

mi fermo al piè del legno

acciò mi renda degno

di teco lacrimar

 

Di teco lacrimar

vinto da tante pene di più penar vorrei

penar vorrei

Vinto da tante pene

mi trema in petto il cuore

dal duolo e dall'amore

mi sento lacerar

 

Mi sento lacerar

e se di più potessi

di più penar vorrei

penar vorrei

 

Chè maggior merto avrei

nel mio maggior dolore

 

Maggior dolor

 

Maggior dolor, maggior dolor

e se d più potessi

di più penar vorrei

chè maggior merto avrei

nel mio maggior dolore;

Ma col fermarmi teco

spero che il tuo dolore

insegnerà al mio cuore

di più patire, patire ancor

 

Mi insegnerà il tuo cuore

di più patire ancor

Ma col fermarmi teco

spero che il tuo dolore

insegnerà al mio cuore di più patire ancor.

 

Teco, diletta Madre

mi fermo al piè del legno

acciò mi renda degno (bis)

di teco lacrimar (bis)

--------------------------------------------------------------------------------------------------------

O di terreni cantici

O di Maria la voce

mentre sospira e palpita (bis)

al piè della croce ("")

 

e di cocenti lacrime 1

riga il suo mesto ciglio

del suo celeste Figlio

al barbaro soffrir.

 

Al barbaro soffrir (bis da 1)

Soffrir

Al barbaro soffrir

 Soffrir,

al barbaro soffrir.

-----------------------------------------------------------------------------------

Sento l'amaro pianto

Sento, sento l'amaro pianto.

 

Sento l'amaro pianto

della dolente madre,

che gira tra le squadre (bis)

in traccia del suo bene. ("")

 

Del suo ben (bis)

in traccia del suo ben

Sento, sento l'amato figlio

Sento l'amato figlio,

che dice "oh Madre addio";

più fier del dolor mio

il tuo mi passa il seno,

più fier del dolor mio

il tuo dolor,

il tuo dolor mi passa il sen,

mi passa il sen

il tuo dolor mi passa il sen.

Madre, addio,

il tuo dolor mi passa il sen.

Madre, addio,

il tuo dolor mi passa il sen.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Il sol si oscura

Il sol si oscura

 

E perfin la terra

 

Il sen si serra

Pel gran dolre.

Il sol si oscura (bis)

e perfin,

perfin la terra (bis)

il seno si serra

pel gran dolor. (bis)

Il sol si oscura  (bis)

e perfin,

perfin la terra (bis)

il seno si serra

pel gran dolor (bis)

il seno, il seno, il seno,

il seno si serra

pel gran dolor  (bis)

 

Dolor (bis)

 

Dolor (bis)

Morto è il Signore

o peccatore

se tu non piangi

sei senza cuor

 

sei senza cuor

 

Morto è il Signore

o peccatore

se tu non piangi

sei senza cuor.

 

Il sol si oscura

 

E perfin la terra

il sen si serra

Pel gran dolor

Dolor (bis)

Dolor. (bis)

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Trema la terra

Trema la terra    (bis)

Trema la terra  (bis)

 

Trema.....

Trema la terra, la terra;

trema la terra e il cielo si scolora,

tra nubi cupe il sole si nasconde;

Morto è Gesù, ma la novella aurora

del riscatto del Ciel già si diffonde

Del riscatto del ciel già si diffonde

 

Diffonde, diffonde.

 

E la sua santa Madre

è la dolente

pel suo FIglio

ne riscatto supremo;

Madre col suo figlio:

e lì morente!

Gesù trasse respiro

l'ultimo, estremo.

 

Gesù trasse respiro,

l'ultimo estremo.

Gesù trasse respiro,

l'ultimo, estremo, Gesù trasse respiro.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------

Vieni a me vieni

Vieni a me vieni

Vieni, a me vieni o Figlio,

Vieni al tuo Padre amato

Ahi, quante volte

 

Ahi, quante volte, ahi quante1

io sospirai per te;

pensa che Figlio sei,

pensa che Padre io sono;

torna, io ti perdono,

non dubitar di me. (bis da 1)

Torna, io ti perdono,

non dubitar di me.

-------------------------------------------------------------------------------------

Tolto di croce il figlio

Tolto di croce il Figlio

 

L'avide braccia stende

l'afflitta Madre, e prende

in grembo il morto Ben.

 

In grembo il morto Ben.

 

Tolto di croce il figlio

l'avide braccia stende

l'afflitta Madre, e prende

in grembo il morto Ben

 

In grembo il morto Ben

 

Versa per gli occhi il core

in lacrime disciolto

Bacia quel freddo volto

e se lo stringe al sen  (Daccapo da tolto)

 

Bacia quel freddo volto

e se lo stringe al sen.

---------------------------------------------------------------------------------------

Tomba

Int. - Che chiude in seno
Il mio Signor già morto

Bassi - Tomba

Coro - Tomba che chiude in seno
Il mio Signor già morto
Finchè non sia risorto
Non partirò da te
Non partirò da te
Alla spietata morte
Allor dirò con gloria
Dov’è la tua vittoria
Il tuo poter dov’è
Alla spietata morte
Allor dirò con gloria
Dov’è la tua vittoria
Il tuo poter dov’è

Bassi - Il tuo poter dov’è

Coro - Il tuo poter dov’è

Bassi - Il tuo poter dov’è 

----------------------------------------------------------------------

O dolce Madre pura

O dolce Madre, o Pura

Fonte di santo amore

parte del tuo dolore

fa' che mi scenda al cuore


Fa' che ogni ardor profano

Profano

 

Sdegnosamente spressi,

al sospirar mi avezzi.

oh di ceeste, celeste ardor

Celeste ardor, celeste ardor

Le barbare ferite 

 prezzo del mio delitto

dal figlio tuo trafitto

passino, o Madre, in me

 

O Madre, in me

o Madre, in me, o Madre, in me

O Madre, in me.

-----------------------------------------------------------------------------

Solchiamo

Solchiamo il mare infido

D'un mondo traditore

Al sospirato lido

Chi mai ci condurrà?

Chi mai ci condurrà? (bis)

Maria, pietosa e bella,

di mar lucente stella,

Maria, speranza nostra

guida di noi sarà

 

Maria, speranza no..1

....stra

Guida di noi sarà

di noi sarà. di noi sarà. (bis da 1)

 -----------------------------------------------------------------------------

Ogni alma contrita

Ogni arma contrita

Int. - Qui corre veloce,
si adori la croce
che il Cristo portò

Bassi - Quei cuori li adori
Ogni arma contrita,
La piaga mortale
Sian figli del male
Da noi si voltò

Bassi - Viva la croce
Viva la croce
Che il Cristo portò

Viva la croce
Che il Cristo portò
Viva la croce
Che il Cristo portò 

-------------------------------------------------------------------------

Tu che in cielo

Tu che in cielo qual astro risplendi,

Ed è bello e divino il tuo viso

a noi volgi, materno sorriso

che in felici, infelici imploriamo quaggiù-

Benedette le nostre preghiere (bis)

volte al trono del vivo tuo Figlio ("")

e a noi guida, c'insegna in esilio ("")

ov'è mai, ov'è mai l'antica virtù. ("")

Odo mesta del Figlio la voce

che i tuoi figli ci chiama Maria;

benedetta del Figlio la voce

che infelici, infelici imploriamo quaggiù. (daccapo)

 

Che infelici imploriamo quaggiù (bis)

imploriamo quaggiù. (bis)

---------------------------------------------------------------------------------------

Siam rei dei mille errori

SIam rei dei mille errori

 

DI mille errori

Abbiamo il Ciel nemico

dai giusti suoi rigor

Chi ci difenderà?

 

Volgi pietosa a noi,

vogli gli sguardi tuoi,

Masia, speranza nostra

abbi di noi pietà

Pietà, pietà

Oietà, pietà

Tu sei nella procella

alla smarrita prora

quella propizia stella

che calma alfin le dà

Le dà, le dà

le dà, le dà

Rendi alle umane genti

da ree catene oppresse,

rendi degli innocenti

l'antica libertà.

L'antica libertà

L'antica libertà

libertà, libertà.

------------------------------------------------------------------

Venite o fedeli

Venite o fedeli

Venite a Maria

La Vergine pia venite a lodar

Venite a lodar (bis)

oh fervidi  di affetti

E puri di cuore

Sue lodi cantiamo

Sue lodi cantiamo

e pieni d'amore

sue lodi cantiam

 

Sue lodi... (bis)

.... cantiam (bis)

--------------------------------------------------------------------------------

Degli ulivi

Degli ulivi al monte supplice

 

A prostrarsi il Cristo viene,

si rattrista e insiem gli avviene,

sudar sangue di dolor.

Fu tradito da un discepolo,1

è portato stretto al tempio

per tradurre in modo empio

al flagello il buon Gesù. (bis da 1)

 

All'eterno Re di gloria,

 

DI vil porpora coperto,

cinge il crin di spine un serto;

sente l'onta ed il dolor.

Suda, anela, cade squallido 2

e trascina stretta al monte

grande croce in mezzo all'onte

fra il più barbaro furor.. (Bis da 2)

 

 

 

 


Sito web gratis da Beepworld
 
L'autore di questa pagina è responsabile per il contenuto in modo esclusivo!
Per contattarlo utilizza questo form!